Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Bagni derivativi: tecnica di benessere per la salute a costo zero

Acqua, bagni derivativi

L’origine dei bagni derivativi

Louis Kuhne, medico tedesco, quasi un secolo fa sosteneva che la causa di molti malesseri sia da ricercarsi nell’accumulo di sostanze tossiche nel sistema della fascia e negli intestini.

Dalle sue ricerche, effettuate con osservazioni empiriche, fu messo a punto un metodo semplice e alla portata di tutti che apporta numerosi benefici alla salute. Il metodo, denominato bagni derivativi, è stato recentemente perfezionato da France Guillain: stando alle testimonianze di chi lo pratica – fra cui anche atleti olimpionici – è un metodo proprio benefico per la propria salute.

I vantaggi dei bagni derivativi

Se cento anni fa L.Kuhne ne parlava come un rimedio per molti mali, oggi sappiamo che non dobbiamo aspettarci miracoli, ma che costituisce un’eccellente pratica di prevenzione che favorisce un buon funzionamento del corpo. E’ avvertito come rigenerante dalla stragrande maggioranza di persone che lo praticano, anche anziani.

Gli effetti dei bagni derivativi

Gli effetti sono proporzionati all’intensità e alla regolarità dei “bagni”. Favorendo la pulizia interna, il bagno derivativo dinamizza diverse funzioni che assicurano una maggiore energia, un sonno più profondo e ristoratore, una buona resistenza alle infezioni e un rimodellamento del corpo. Nel libro di F.Guillain sono elencati vari disturbi che hanno tratto beneficio da questa pratica; tra questi acne, acufeni, allergie, artrosi e artrite, eczemi, emorroidi, edemi e gonfiori, influenza, inoltre è stato di aiuto per dimagrire e disintossicare.

Sciogliere i blocchi

La teoria si basa sul fatto che spesso si accumulano nel corpo – nella zona degli intestini e nella fascia (sistema formato dall’insieme delle fasce – membrane costituite da migliaia di piccoli canali che circondano i muscoli, gli organi e le ossa) scorie e grassi spessi che vengono definiti “sovraccarichi”.

Ci sono dei blocchi nel sistema della fascia che possono essere di ordine meccanico (slip, calze che segnano, indumenti stretti) o di ordine traumatico (ferite, operazioni, brividi che esprimono la contrazione della fascia), ma anche di ordine psicologico (paura, ansia, stress che contraggono e bloccano la fascia) che impediscono la circolazione e l’eliminazione delle scorie veicolate. Nasce allora la necessità di stimolare la motilità della fascia e degli intestini, e questo stimolo può avvenire mediante due fattori: un’attivazione meccanica (o frizione) delle terminazioni nervose situate nella parte bassa delle pieghe inguinali e apportando frescura nella zona del perineo, e questo può essere effettuato tramite il bagno derivativo.

Come si praticano

Seduti su un bidet contenente acqua fresca ma non gelida, con il corpo ben coperto e protetto dal freddo, i glutei non devono toccare l’acqua. Muniti di un guanto da bagno (o di una spugna) lo si immerge nell’acqua e si fa scorrere risalendo a partire dal perineo su uno dei due lati della piega inguinale (ad esempio la destra) fino all’altezza dell’osso pubico (o alla radice del pene per gli uomini) e si ridiscende lungo lo stesso percorso. Poi si immerge di nuovo il guanto da bagno nell’acqua e si ripete la stessa operazione sull’altro lato. Durante la pratica – che deve durare senza interruzione dai 15 ai 40 minuti secondo le necessità – non si strizza mai il guanto da bagno e si continua così. Il bagno derivativo va effettuato distanziato dai pasti (si deve aspettare una mezz’ora prima di mangiare o se si è appena mangiato occorre aspettare un’ora e mezzo almeno prima di effettuare il bagno).

Ottimizzare i risultati

Essendo una pratica igienica viene consigliato di abbinare un’alimentazione equilibrata e una regolare attività fisica o sport, che permettano comunque di accumulare meno scorie e di espellere regolarmente con il sudore e la traspirazione. Questo favorisce una regolare disintossicazione e un riequilibrio del corpo.

Per saperne di più e farsi un’idea più specifica vi consigliamo di leggere i due libri di France Guillain:

I bagni derivativi. Un mezzo facile e gratuito per mantenersi in forma – Ed. L’età dell’Acquario

I Bagni Derivativi
France Guillain
Età dell’Acquario Edizioni

Il nuovo libro dei bagni derivativi –  Ed. L’età dell’Acquario

Il nuovo libro dei Bagni Derivativi
France Guillain
Età dell’Acquario Edizioni

INFORMAZIONI UTILI

Un e-book per te!

Acconsento al trattamento dei miei dati e dichiaro di aver preso visione della Privacy Policy

Attiva il tuo coupon sconto

Categorie

Condividi su:

Potrebbe interessarti anche