Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Cosa vuol dire meditare ?

meditare, meditazione zen, cosa vuol dire meditare

Cos’è la meditazione e cosa vuol dire meditare?

Meditare, cosa vuol dire ? Questa è la domanda che mi fate. La risposta è semplice.

Per meditazione noi intendiamo qualcosa di fondamentale e di molto semplice, che non si ricollega ad alcuna cultura particolare.

Noi parliamo di un atto davvero fondamentale:

  • sedersi per terra,
  • assumere un postura corretta e
  • coltivare la sensazione di avere il proprio spazio, il proprio posto su questa terra.

Taisen Sensei, Meditare con lo zen

Meditare è…

  • essere in uno stato di attenzione: non si tratta di cosa stai facendo, ma di come lo fai;
  • osservare: non fare niente, non ripetere dei mantra, non ripetere il nome di dio – semplicemente osserva la tua mente. Non disturbarla, non ostacolarla, non reprimerla;
  • vivere un’esperienza evidente in se stessa;
  • rilassarsi ed essere nel momento presente. Nel qui e ora;
  • avere una è chiarezza di visione;
  • sentirsi in connessione con tutto;
  • essere consapevoli, essere presenti;
  • equilibrio, è silenzio, è ascolto e stabilità. Non significa seguire una tecnica;
  • entrare in connessione con lo stato naturale della mente.
  • lasciare andare la presa, entrare in uno stato di quiete.

Liberamente tratto da meditare.net

Ti può interessare anche: Meditazione: i benefici di stare con te.

Krishnamurti: la meditazione non è…

La meditazione non è la semplice esperienza di qualcosa al di là dei pensieri e dei sentimenti di ogni giorno, né la ricerca di visioni e beatitudini.

La meditazione, la cessazione del pensiero, apre la porta ad una vastità che trascende ogni immaginazione o congettura. 

E’ comprensione del mondo e delle sue vie.

Tutto ciò che il pensiero formula ha in sé il limite dei suoi confini. Il pensiero ha sempre un orizzonte, la mente meditativa non ne ha, l’uno deve cessare perché l’altro possa essere.

La meditazione non è una continuazione o una espansione dell’esperienza, al contrario, è la completa inazione che è totale cessazione dell’esperienza; lo svuotarsi del conosciuto.

Se non c’è meditazione, sei come un cieco in un mondo di grande bellezza, luci e colori.

Meditare non è ripetere parole, sperimentare visioni o coltivare il silenzio, questa è una forma di autoipnosi.

La mente meditativa è

  • vedere,
  • osservare,
  • ascoltare,

senza la parola, senza commento, senza opinione, attentamente e costantemente, il movimento della vita in ogni suo rapporto; allora sopraggiunge un silenzio che è negazione del pensiero, un silenzio che l’osservatore non può richiamare.

Se ne facesse esperienza, riconoscendolo, non sarebbe quel silenzio.

Jiddu Krishnamurti

INFORMAZIONI UTILI

Un e-book per te!

Acconsento al trattamento dei miei dati e dichiaro di aver preso visione della Privacy Policy

Attiva il tuo coupon sconto

Categorie

Condividi su:

Potrebbe interessarti anche