Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

I dialoghi dell’anima: il racconto di ciò che è meglio per noi

cuore rosso, mani

I dialoghi dell’anima ci accompagnano fin da bambini. Ognuno di noi cresce poi con la sua storia unica e speciale che ci permette di accoglierli e ascoltarli oppure di allontanarli per dare ascolto ad altre voci.

Da bambini viviamo tutto in una dimensione magica ed ogni accadimento è importante, emozionante vissuto con tutti i sensi e con tanta sensibilità.

Provate a cercare un ricordo, un’immagine positiva della vostra infanzia e ascoltate cosa accade dentro di voi: sembra che ogni singola cellula sorrida e gioisca! Perché da bambini abbiamo innocenza, purezza e leggerezza che ci permettono di vivere semplicemente. Stupore, meraviglia, incanto, scoperta, sorpresa…da bambini la nostra voce è la voce dell’anima.

Le parti di noi

Crescendo, in risposta alle situazioni della vita che ci chiedono comportamenti diversi a seconda dei ruoli nelle relazioni e dell’educazione, la voce dell’anima si mescola ad altre voci: quella del figlio, dello studente, della moglie, del fidanzato, dell’amico.

Per rispondere ai ruoli assumiamo dei comportamenti che ci muovono nella vita in un determinato modo: Pirandello li ha chiamati maschere, Assagioli sub-personalità, Jung tipi psicologici.

Quasi tutti i grandi filosofi, psicoterapeuti e psichiatri sono partiti utilizzato grandi linee questa teoria per poter meglio conoscere la grandezza e varietà dell’essere umano. La maggior parte nella ricerca comune della voce dell’anima, dell’essenza, della parte autentica dell’essere umano.

I dialoghi dell’anima

Esplorando come funzioniamo e la vastità del mondo interiore a partire da me stessa, ho scoperto che la voce dell’anima parla un linguaggio speciale ed unico che possiamo imparare o meglio scoprire.

Quello che ho scoperto e che cerco di trasmettere è che l’anima parla il linguaggio dei simboli, delle immagini e delle coincidenze. I suoi messaggi a volte arrivano chiari, ma più spesso passano in un lampo ed è difficile coglierli.

E’ necessario volerli ascoltare, prestare la massima attenzione ed allenare il sentire.

A volte mentre osserviamo il paesaggio fuori dalla finestra arriva un’immagine, un ricordo, oppure ci viene in mente una musica senza apparente significato o collegamento.

Oppure, mentre ascoltiamo un racconto o una canzone, c’è qualche parola che ci fa sobbalzare come se fosse un messaggio per noi.

Le coincidenze

Altre volte accadono piccole e grandi coincidenze o sincronicità che ci danno un segnale. Allenarsi a prestare attenzione a questi messaggi, a coglierli ed interpretarli crea i dialoghi dell’anima.

Sono dei dialoghi tra “sé e sé” in cui si riesce ad abbassare il volume delle voci delle parti di noi che recitiamo ogni giorno per ascoltare cosa accade oltre, cosa vogliamo davvero, qual è la scelta migliore per noi, dove stiamo andando e chi siamo veramente.

L’importante è avere voglia di ascoltare i dialoghi dell’anima, spesso contrari alla logica, che ci raccontano cosa è meglio per noi.

 

INFORMAZIONI UTILI

Un e-book per te!

Acconsento al trattamento dei miei dati e dichiaro di aver preso visione della Privacy Policy

Attiva il tuo coupon sconto

Categorie

Condividi su:

Potrebbe interessarti anche