Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Litchi o Lychee: proprietà nutrizionali della ciliegia cinese

Litchees, litchi, lycis, ciliegia cinese

Litchi chinensis è un frutto relativamente noto, che è ormai presente diversi anni in Italia sui banchi dei supermercati nel mese di dicembre. Il suo aspetto, la sua particolare consistenza e il sapore floreale, danno un tocco di esotico alle tavole invernali.

Non tutti sanno però che anche le sue proprietà nutrizionali sono molto interessanti e che, all’interno di un’alimentazione sana e varia, è consigliabile mangiare questi frutti durante la loro stagione.

Le origini del frutto che sa di fiore

Si tratta di un frutto esotico originario della Cina, appartenente alla famiglia delle Sapindacee. Il Litchi o Lychee cresce in grappoli su un albero che può raggiungere l’altezza di 20 metri con foglie lunghe sempreverdi e giunge a maturazione nel tardo periodo autunnale.

Cina e India sono  i maggiori produttori mondiali ma anche nel sud di Italia, in particolare in Sicilia, esistono alcune coltivazioni.

Il frutto, che viene chiamato in vari modi, anche uva cinese, ha una inconfondibile forma ovale ed è ricoperto da una sottile buccia che dal verde dei primi mesi tende al rosa/rosso quando matura; la sua polpa è bianca, compatta e gelatinosa; al suo interno c’è un grosso nocciolo che ricorda quello delle nespole.

Il momento migliore per gustare il Litchi è quando raggiunge il culmine della maturazione, nel tardo autunno, anche perché, se i frutti non sono ben maturi, risultano insapori.

Cosa contiene il Litchi e le sue proprietà

lychees, litchi, licys, frutta esotica, polpa bianca, nocciolo, oligonoloTra i principali micronutrienti, il Litchi contiene la Vitamina C, 70 mg ogni 100 g,  più degli agrumi: 10 Litchi al giorno, ricoprono il fabbisogno giornaliero di Vitamina C. Ci sono poi alcune vitamine del  gruppo B, acido nicotinico, fibre, minerali, carboidrati e zuccheri, acqua. Tra i  minerali segnaliamo il potassio, rame, magnesio, fosforo, e calcio. Contengono poco sodio, pochi grassi.

Il valore calorico è abbastanza contenuto, non più di 60 kcal per 100 grammi. L’acido nicotinico è un elemento importante che conferisce al Litchi importanti proprietà benefiche, definite da alcuni perfino terapeutiche: questa sostanza contribuisce a far dilatare i vasi sanguigni, facilita la purificazione del sangue e favorisce la regolazione di  numerose reazioni ossidative nelle cellule dell’organismo.

I litchi contengono sostanze antiossidanti e quindi anti-age, tra queste un particolare polifenolo, l’oligonolo, che alcuni studi (vedi PubMed) hanno dimostrato possa contrastare il virus dell’influenza. Un’altra azione interessante attribuita a questi frutti è la capacità di aiutare a diminuire la percentuale di zucchero nel sangue.

Come gustare il Litchi

Il modo migliore per assaporare questo frutto è fresco al naturale. Può anche essere servito in macedonia con altri frutti, oppure utilizzato per preparare originali sorbetti (eccezionalmente con uno spruzzo di Rhum), o ai cocktail, meglio se analcolici.

Scegliere i frutti migliori, conservarli, pulirli

Per acquistare i Litchi migliori scegliete quelli con il guscio di un rosso acceso, garanzia di una maturazione adeguata e di maggior dolcezza del frutto.

Se non sono stati trattati con conservanti (verificate!) è meglio. Conservateli a temperatura ambiente o in frigorifero avendo cura di sistemarlo nella zona meno fredda, fino a 10 giorni.

È possibile che, con il passare del tempo, il guscio assuma una colorazione più scura.  Per gustarlo rimuovete la buccia incidendola nel mezzo e mangiatene la polpa.

Curiosità

Facendo ricerche sul web ho trovato questa notizia: in oriente il Litchi è considerato un frutto che favorisce la digestione in quanto cibo caldo, grazie al calore del sole che assorbe durante la sua crescita.

Un cibo, dunque, che favorisce il fuoco digestivo: per questo è perfetto da servire a fine pasto. Guarda caso anche da noi lo si vede sulle tavole dopo i pranzi, specie durante le festività natalizie.

Consiglio

Se non avete ancora assaggiato questi frutti, fatelo! Con questa novità sorprenderete piacevolmente il vostro palato. Inoltre, le vostre tavole saranno anche più colorate.

INFORMAZIONI UTILI

Un e-book per te!

Acconsento al trattamento dei miei dati e dichiaro di aver preso visione della Privacy Policy

Attiva il tuo coupon sconto

Categorie

Condividi su:

Potrebbe interessarti anche