Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Pompelmo, frutto ricco dalla buccia ai semi

pompelmo, semi di pompelmo, antibatterico, digestivo

Le origini del pompelmo

Il pompelmo, agrume dalle eccezionali proprietà salutari, ha origini incerte. Si dice sia nato nelle isole Barbados, nel ‘700, dall’incrocio tra un agrume chiamato pomelo e le arance.

L’incrocio ha dato origine ad un albero con grandi fiori bianchi profumatissimi e con frutti dalla polpa succosa un po’ amarognola. Dalle Barbados fu diffuso successivamente in Africa, in Argentina fino ad arrivare nel nostro Paese.

Proprietà: fibre e vitamine a volontà

Il pompelmo ha un’elevata quantità di fibre e di vitamine tra cui la vitamina C, vitamina A e vitamine del gruppo B. Contiene potenti antiossidanti, i flavonoidi tra cui la naringenina antinfiammatoria e modulatrice del sistema immunitario.

Il pompelmo contiene anche la bromelina, un enzima in grado di stimolare l’apparato digerente ed è naturalmente ricco di sali minerali: magnesio, calcio, fosforo, potassio e sodio.

Oltre ad aiutare la digestione, motivo per cui è consigliato a inizio o fine pasto, il pompelmo aiuta il fegato e favorisce la riduzione dei livelli di insulina nel sangue.

E’ considerato “dimagrante” poiché ha la proprietà di trasformare i grassi in energia (vedi studio The effects of daily consumption of grapefruit on body weight, lipids, and blood pressure in healthy, overweight adults). Migliora la circolazione ed è un ottimo antibatterico.

Il consumo regolare di pompelmo, inoltre, contribuisce a ridurre la percentuale di colesterolo cattivo Ldl. La conferma ci arriva da uno studio Israeliano pubblicato sulla rivista “Journal of Agricultural and Food Chemistry”.

I carotenoidi che contiene al suo interno, il betacarotene e il licopene, svolgono una positiva azione antiossidante, utile anche a proteggere le arterie dall’ossidazione dei grassi, e di conseguenza a prevenire la formazione di placche aterosclerotiche.

I semi di pompelmo

Le proprietà dei semi di pompelmo furono scoperte dal Dott. Jacob Harich, fisico ed immunologo. Appassionato di rimedi naturali, dopo approfonditi studi poté sperimentare che i semi di pompelmo avevano proprietà antivirali e antibiotiche senza effetti collaterali.

I suoi studi hanno dato vita ad ulteriori ricerche ed oggi è disponibile l’estratto di semi di pompelmo. Oltre ad essere un antibiotico naturale, agisce contro virus, funghi, batteri e combatte i parassiti come i pidocchi.

E’ utile per la cistite, i virus influenzali agendo ad ampio spettro e stimolando le difese immunitarie.

Olio essenziale di pompelmo: benvenuto buonumore!

La buccia del pompelmo è ricca di oli essenziali: il citrale, il limonene ed il pinene cha aiutano gli stati depressivi ed aumentano le difese immunitarie.

olio essenziale di pompelmo, fiore bianco, pompelmo, energizzanteUsato a livello cosmetico, unito alle creme o detergenti abituali (meglio se neutre), ridona luminosità e forza ai capelli, rende elastica e rassoda la pelle ed è un ottimo astringente e disinfettante per le pelli grasse e con acne. Ha inoltre la proprietà di contrastare la formazione della cellulite.

L’olio essenziale di pompelmo, usato per aromatizzare gli ambienti è energizzante, dona chiarezza mentale, stimola la circolazione e tonifica tutto l’organismo regalandoci buonumore. Per saperne di più sull’olio essenziale di pompelmo leggi qui.

Pompelmo - Olio Essenziale
Aroma naturale per alimenti
Flora

Una efficace protezione dalle zanzare

Non tutti sanno che il pompelmo, assunto sia spremuto che al naturale, tiene a bada le zanzare e riduce il rischio di punture di questi e altri insetti, grazie alla presenza di nootkatone, una sostanza che agisce alla stregua di un insetticida naturale. Anche se non ci sono prove scientifiche a riguardo, è provato che il profumo del frutto e della pianta sono poco graditi a molti insetti.

Controindicazioni

Una scoperta recente ha evidenziato che una sostanza contenuta nel pompelmo, la bergamottina, interferisce con l’assorbimento dei farmaci: può inibirli o aumentarne l’azione.

Poiché si tratta della metà dei farmaci attualmente in commercio, chi assume farmaci regolarmente deve consultare il proprio medico prima di assumere il pompelmo, sia come frutto che come estratto di semi.

 

INFORMAZIONI UTILI

Un e-book per te!

Acconsento al trattamento dei miei dati e dichiaro di aver preso visione della Privacy Policy

Attiva il tuo coupon sconto

Categorie

Condividi su:

Potrebbe interessarti anche