Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Se avessi abbastanza…le parole che limitano il fluire della vita

se avessi abbastanza, donare, fiori

“Se avessi abbastanza”, come tutte le frasi che iniziano con il “se”, è una frase che ci allontana dal momento presente, ci sposta in una situazione futura che non si sa se si realizzerà. Può essere costruttiva se ci mette in contatto con sogni e speranze ma nel contempo può limitarci. In che modo? Come ho spiegato nell’articolo: “Chiedi e ti sarà dato: il potere delle parole”, la frase “se avessi abbastanza soldi, lavoro, amici…” fa dire a noi stessi che siamo in carenza. Ci fa sentire “poveri” perché al momento non abbiamo abbastanza.

L’importanza dei sogni

Avere dei sogni, degli ideali, delle mete ci mette in contatto con l’energia creativa. Attiva il potere dell’immaginazione che racchiude in sé l’inizio delle imprese di ogni essere umano: dal desiderio di avere un figlio al desiderio di costruire una casa o un nuovo progetto di vita. I sogni, insieme all’amore, sono il motore dell’evoluzione umana. Dobbiamo ricordarci però di sognarli nel modo corretto, con le giuste parole e affermazioni.

Sognarli con parole e immagini cariche di fiducia.

L’importanza della possibilità nel momento presente

E se invece di dire e pensare “se avessi abbastanza” agissimo come se fossimo nel pieno delle nostre possibilità? Se imparassimo a comportarci come se avessimo già ciò che ci serve per dare a noi stessi, agli altri alla vita il massimo? Sembra difficile invece è semplicemente un cambio di prospettiva. Un modo di osservare e vivere la vita dal momento presente invece che dal momento futuro.

 

«Quello che date a un altro lo date a voi stessi. Preoccupatevi di quello che potete dare. Non potete perdere ciò che donate.»

«Agisci come se fossi Uno con tutti. Inizia da domani. Considera gli altri come un “te stesso” che ha un problema. Come un “te stesso” che vuole soltanto una buona opportunità, come un “te stesso” che sta facendo un’esperienza diversa. Guarda tutti con occhi nuovi. Poi inizia ad agire come se ci fosse abbastanza di tutto. Se avessi abbastanza soldi, abbastanza amore, abbastanza tempo, cosa faresti di diverso? Condivideresti ciò che hai più apertamente, più liberamente, più equamente?»

Neale Donald Walsch, Conversazioni con Dio

INFORMAZIONI UTILI

Un e-book per te!

Acconsento al trattamento dei miei dati e dichiaro di aver preso visione della Privacy Policy

Attiva il tuo coupon sconto

Categorie

Condividi su:

Potrebbe interessarti anche