Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Stipsi: 5 rimedi semplici per un intestino regolare e psicosomatica

stipsi, stitichezza, stitico, intestino, fibre

La stipsi o stitichezza è un disagio che affligge molte persone, prevalentemente donne. Si tratta di una disarmonia dovuta, nella maggior parte dei casi, alla scarsità di fibre alimentari nell’alimentazione. E’ una condizione molto presente con l’alimentazione moderna, caratterizzata da abbondanza della dannosa farina 00, assieme ad un eccessivo consumo di zuccheri semplici.

Stipsi: ripartire dall’alimentazione

Occorre anzitutto correggere l’alimentazione consumando una quantità di fibre ideale, circa 35 grammi, facilmente reperibili mangiando fino 750 gr di verdura e 300 grammi di frutta al giorno, cereali semintegrali o integrali e legumi. Non bisogna poi dimenticare l’importanza dell’apporto di acqua, bevendone almeno un litro e mezzo al giorno, meglio se fuori dai pasti, inoltre è utile anzi fondamentale abbinare alla corretta alimentazione un esercizio fisico regolare e costante.

Soluzioni e rimedi naturali per la stipsi

Poiché la naturopatia è orientata verso rimedi dolci e graduali, vi consiglio di evitare interventi drastici e potenzialmente irritanti come lassativi. Questi, anziché risolvere il problema, rischiano di aggravarlo. Occorre invece rieducare e stimolare naturalmente l’intestino verso una naturale regolarità e proponiamo 5 soluzioni facili ed efficaci:

  1. Olio di lino: ha il vantaggio di essere ricco di Omega 3, grassi salutari e naturalmente antinfiammatorio, va preso quotidianamente al risveglio (2 cucchiaini a digiuno) seguito da un bicchiere di acqua tiepida meglio se arricchita con mezzo limone spremuto
  2. Magnesio in polvere: se ne scioglie 1 cucchiaino in acqua calda dopo colazione e 1 dopo cena, unisce all’azione lassativa il vantaggio di essere rilassante, decontratturante (sia della muscolatura viscerale che di quella volontaria quindi aiuta anche in caso di dolori muscolari e contratture) e alcalinizzante.
  3. Aloe: il succo di questa pianta è ritenuto quasi ‘miracoloso’ e numerose sono le virtù che gli sono attribuite. Un cucchiaio di succo di aloe diluito in acqua per due volte al giorno ha proprietà emollienti e dolcemente lassative. Inoltre:
    • calma le mucose irritate di tutto l’apparato gastrointestinale,
    • protegge la preziosa flora batterica intestinale, svolgendo anche azione antimicotica, antibatterica e antinfiammatoria.
  4. Psillio: i semi di psillio a contatto con l’acqua producono un gel mucillaginoso che facilita il transito intestinale, è lenitivo delle mucosa e ottimo anche per curare le affezioni e irritazioni di tutto il sistema gastrointestinale. Lo psillio in semi riduce l’assorbimento di zuccheri e grassi e per questo può essere utile per favorire il dimagrimento. Se ne assume un cucchiaio lasciato macerare in un bicchiere di acqua, da ripetere se necessario anche la mattina.
  5. Manna: si tratta della linfa solidificata derivata dall’incisione della corteccia del frassino. E’ costituita principalmente da mannite, acidi organici, glucosio, acqua, levulosio e mucillagini. Oltre a facilitare lo svuotamento del colon combatte i gonfiori di pancia e colon, in più ha proprietà antiossidanti e anche antirughe. Se ne assumono 15-30 grammi al giorno, la mattina, in una tazza di tè caldo.

Lettura psicosomatica e consigli comportamentali

Simbolicamente la stipsi esprime una difficoltà della persona a lasciar andare, una difficoltà a mostrarsi interamente specialmente nei propri sentimenti e nelle proprie parti oscure e temute, un desiderio di trattenere e un attaccamento eccessivo alle cose, tipico di persone tendenti all’accumulo.

Questo è tipico in medicina tradizionale cinese della tipologia Metallo a cui può essere utile l’esercizio di svuotare cassetti e buttare via cose che non servono più, fare pulizia e liberarsi di oggetti vecchi e inutili: soprattutto può essere utile imparare a lasciarsi andare nelle manifestazioni di generosità, sia sul piano materiale che affettivo. L’effetto di questi ‘esercizi’ non è solo psicologico perché può, nel concreto

  • aiutare a rilassare la muscolatura, in particolare quella addominale,
  • e contrastare la resistenza a lasciar andare il contenuto intestinale.         

Approfondimenti e fonti scientifiche su: stipsi

 

Ti può interessare anche:“Rinforzare l’intestino: cibi-medicina e altri rimedi”

INFORMAZIONI UTILI

Un e-book per te!

Acconsento al trattamento dei miei dati e dichiaro di aver preso visione della Privacy Policy

Attiva il tuo coupon sconto

Categorie

Condividi su:

Potrebbe interessarti anche